Il Giardino che Sono

Percorso di giardinaggio interiore verso una felice decrescita di se stessi

separatore foglie
Percorso online Il Giardino che Sono

Tipo: percorso online
Durata: 6 mesi
Costo: € 190
Formato materiale: PDF
Frequenza d’invio: ogni due settimane
Modalità di pagamento: PayPal, Bonifico Bancario o Ricarica PostePay
Bonus: tutoraggio privato (facoltativo)

LEGGI L’INDICE

foglie

Lo sai che dentro di te esiste un rigoglioso Giardino che, se curato con le dovute premure, può regalarti una vita più armoniosa ed equilibrata?

In questo Giardino speciale lavorano tanti giardinieri (i tratti della tua personalità),
si alternano diverse condizioni meteorologiche (le tue emozioni), crescono erbe infestanti ed officinali (i tuoi pensieri), vivono delle splendide lucciole (le tue passioni), si cela un seme dorato (la tua vocazione), si trovano dei bellissimi fiori selvatici (le tue doti)… e tanto altro ancora!!!

SCOPRI COME ACCRESCERE LA CONOSCENZA DEL TUO MONDO INTERIORE GRAZIE ALL’USO CREATIVO DELLA SIMBOLOGIA DEL GIARDINO PER IMPARARE A GESTIRE CON MAGGIORE CONSAPEVOLEZZA LE TUE DINAMICHE PSICOLOGICHE.

“Io sono una persona sensibile, creativa, cordiale… ma anche lunatica, timorosa, impaziente”. Questa è, solitamente, il tipo di descrizione che le persone fanno quando devono parlare di loro stesse. Tutto, insomma, si riduce ad un semplice elenco di pregi e di difetti.

Troppo spesso si parte dal presupposto di conoscere bene se stessi ma, in realtà, si tratta di frequente di una conoscenza superficiale e parziale che poco aiuta a crearsi una vita davvero equilibrata.

Ecco quindi che, in questo senso, impegnarsi a stilare un inventario personale offre l’occasione di delineare una visione, chiara e dettagliata, di chi davvero si è e di cosa davvero si desidera. Proprio come studiare l’anatomia e la fisiologia del corpo umano, stilare un inventario di te stesso significa comprendere come è fatto e come funziona il tuo ecosistema psicologico.

Ma, ti chiederai, da dove partire per conoscere meglio me stesso e dare, così, una direzione più consapevole alla mia esistenza? Hai presente il giardino di casa tua o quello di un tuo conoscente… ecco la risposta! Specchio dell’Anima e simbolo di grande potenza capace di rendere visibili i meccanismi del proprio mondo interiore, il giardino è uno strumento straordinario per giungere ad una più approfondita conoscenza di te stesso. Il giardino infatti, con le sue dinamiche e peculiarità, è un’eccezionale metafora che, invitandoti ad un profondo viaggio introspettivo, è in grado di far emergere la tua parte più intima ed autentica.

Il percorso che ti propongo, naturalmente, non mira certo ad insegnarti le tecniche di giardinaggio vere e proprie quanto, invece, ad accostare il funzionamento dell’ecosistema giardino e quello del tuo ecosistema interiore come via di autoanalisi e di recupero di una quotidianità più piena ed armoniosa.

Se ti stai chiedendo se la parola decrescita del sottotitolo sia un errore di scrittura, la risposta è no. Ho scelto di proposito il termine “decrescita” perché, in realtà, crescere a livello personale significa proprio liberarti di tutto il superfluo che ti porti dietro, ovvero di tutte quelle zavorre interiori che limitano l’espressione della tua autentica natura.

Come ha detto il filosofo e psicoterapeuta statunitense James Hillman: “Il nostro scopo non è la crescita bensì la perdita. In ogni cambiamento si lasciano andare parti di sé che non sono più vere per noi stessi e la perdita delle illusioni su ciò che siamo, in modo da lasciare emergere il nucleo più profondo dell’anima”.

L’obiettivo, quindi, non è diventare diverso da ciò che sei ma, al contrario, fare ritorno a quello che autenticamente sei.

Oggi, in riferimento all’ambiente e allo stile di vita, si parla sempre più spesso di decrescita e della necessità di tornare ad una vita più sobria e semplice. Ma il punto di partenza, come sempre, deve essere il proprio interno, quel variegato microcosmo le cui leggi e i cui principi vanno saputi rispettare per evitare di incorrere in dannose e pericolose derive patologiche.

QUESTO PERCORSO FA PER TE SE SENTI IL BISOGNO DI…

  • Capire cosa non funziona attualmente nella tua vita
  • Imparare a conoscere da vicino i diversi aspetti della tua personalità
  • Rapportarti con maggior profondità al tuo corpo
  • Gestire con consapevolezza le tue emozioni e i tuoi pensieri
  • Riconoscere le tue più autentiche passioni
  • Portare alla luce lo Scopo per cui sei sulla Terra
  • Imparare a centrarti per affrontare con la giusta “distanza” le questioni della tua vita
  • Riconoscere i tuoi punti di forza e di debolezza
  • Capire quale nuova direzione vuoi dare alla tua vita
  • Imparare a gestire con più equilibrio le tue paure e i problemi che incontri
  • Stabilire dei solidi confini personali
  • Imparare a prendere decisioni consapevoli
  • Imparare a stare nel momento presente
  • Comunicare in modo autentico e profondo
  • Entrare in contatto con la Scintilla Divina che dimora in te
  • Capire il contributo che puoi dare al Pianeta

Quello che acquisirai a percorso completato sarà una mappa di te stesso che ti permetterà di orientarti con maggior facilità negli intrecci della tua Psiche e un bagaglio di strumenti di lavoro introspettivo da usare come tuo personale kit di ecologia interiore in ogni momento in cui ne sentirai il bisogno. Grazie alla nuova chiarezza maturata rispetto chi sei e cosa desideri per te e la tua vita, potrai iniziare a fare scelte più consapevoli e ad essere nel mondo in accordo con la tua autenticità.

Per amore di onestà, però, tengo a farti presente che questo percorso NON fa per te se:

  • Ritieni di non aver bisogno di conoscere meglio te stesso perché ormai sai già tutto quello che ti serve
  • Ritieni che il lavoro introspettivo sia un’inutile perdita di tempo
  • Non sei disposto a rimetterti in gioco e a rimettere in discussione la tua personale visione delle cose
  • Non hai intenzione di essere onesto con te stesso rispetto i tuoi meccanismi psicologici
  • Non sei disposto a ritagliarti un po’ di tempo per stare in ascolto di te stesso e sperimentare gli esercizi che ti propongo
  • Non sei disposto a fare quello che deve essere fatto sul piano pratico per cambiare quello che senti non funzionare più nella tua vita

STRUTTURA & PROGRAMMA DEL PERCORSO

Il percorso è formato da tre Fasi (più un’Introduzione), suddivise ciascuna in una serie di tappe (corredate, ognuna, da un testo di approfondimento e da esercizi pratici), che simboleggiano tre diversi momenti:

1ª Fase – La Progettazione del Giardino

Per poter essere efficace, una progettazione deve sempre iniziare da uno studio approfondito delle condizioni di partenza e del contesto nel quale si andrà a costruire. Questa prima Fase, quindi, rappresenta la “fase ricettiva” del percorso, quella in cui raccogli informazioni, inizi a prendere confidenza con i tuoi meccanismi interiori e stabilisci delle priorità di vita. In realtà, visto che il Giardino già c’è, più che a una progettazione ex novo, attraverso questo percorso darai vita ad una ristrutturazione che permetta di mettere ordine là dove percepisci regnare la confusione. Questa fase è formata dalle seguenti tappe:

LA CHIAVE D’ACCESSO – Disporsi allo sguardo interiore. In questa Tappa scoprirai i passi principali da compiere per disporti allo sguardo interiore e stilerai il programma di visite al tuo Giardino.

LA VEDUTA PANORAMICA – Aprire gli occhi sul proprio presente. In questa Tappa scatterai un’istantanea della tua vita per capire quali settori, in questo momento, hanno maggiormente bisogno della tua attenzione.

LA COMPAGNIA DEL GIARDINAGGIO – Familiarizzare con i propri molteplici aspetti. In questa Tappa esplorerai i diversi aspetti che ti abitano, i tuoi Giardinieri Interiori, stilando per ognuno un identikit che ti aiuti ad approfondirne la conoscenza.

IL GUARDIANO DEI 4 SENTIERI – Gestire i livelli dell’esperienza umana. In questa Tappa, attraverso la simbologia dei 5 Elementi (Terra, Acqua, Aria, Fuoco, Etere), analizzerai le tue diverse dimensioni: quella fisica, quella emotiva, quella mentale, quella intenzionale e quella dell’essere.

LA RACCOLTA DEI FIORI SELVATICI – Riconoscere il proprio potenziale naturale. In questa Tappa approfondirai il tuo potenziale innato riconoscendo le Rose – le tue risorse forti – e le Spine – le tue risorse deboli – che ti appartengono e, dissotterrando il tuo Seme Dorato, il tuo personale Scopo di Vita.

IL GIARDINO DEI SOGNI – Rivolgere lo sguardo al futuro. In questa Tappa, proprio come un progettista di giardini, andrai a delineare il tuo Progetto Esecutivo, ossia il piano di rinnovo della tua vita.

2ª Fase – La Realizzazione del Giardino

Nessuna progettazione ha valore se, una volta terminata, non si passa poi all’atto pratico. Questa seconda Fase, quindi, rappresenta la “fase attiva”, quella in cui ti rimbocchi le maniche e cominci, concretamente, a dare inizio a quei cambiamenti, interiori ed esteriori, di cui senti la necessità. Naturalmente, la pretesa non è quella di concretizzare in un breve arco di tempo tutte le modifiche che senti vitali ma, gradualmente, dare l’avvio ad un processo trasformativo che ti permetta di avvicinarti sempre più alla fioritura autentica della tua esistenza. Questa fase è formata dalle seguenti tappe:

L’AVVIO DEI LAVORI – Dare inizio al processo di rinnovamento. In questa Tappa inizierai ad attuare la Messa in Opera del tuo progetto esecutivo valutando, nel contempo, i Parassiti Interiori che cercano di ostacolarti.

LA RECINZIONE DEL GIARDINO – Definire e far rispettare i propri confini. In questa Tappa valuterai lo stato di salute della recinzione del tuo Giardino Interiore, ovvero i tuoi confini personali, e andrai a stilare il tuo personale Decalogo di regole per l’accesso.

LA SOSTA NEL LABIRINTO – Affrontare con obiettività ostacoli ed imprevisti. In questa Tappa, dall’alto della Torretta posta al centro del tuo Labirinto, imparerai a non considerare le difficoltà di ogni giorno soltanto come un fastidio e ad osservarle con maggiore lucidità.

3ª Fase – La Manutenzione del Giardino

Una volta che il progetto è divenuto realtà è chiaro che, se si vuole che ciò che è stato costruito mantenga il suo splendore e la sua funzionalità nel tempo, va attuata un’adeguata cura. Questa terza Fase, quindi, rappresenta la “fase di mantenimento”, quella da mettere in atto costantemente affinché il tuo Giardino Interiore rimanga bello e curato come lo vuoi. Le cose non si fanno da sole, ma richiedono costanza, pazienza e fiducia. Un giardino lasciato all’incuria, ben presto si inselvatichisce lasciando il posto al caos e alla disarmonia. Per il tuo Giardino Interiore è la stessa identica cosa e, pertanto, vige la necessità di prendertene amorevolmente cura per far sì che possa costantemente risplendere al massimo delle sue potenzialità. Questa fase è formata dalle seguenti tappe:

IL CAPANNO DEGLI ATTREZZI – Affinare e mettere a frutto i propri strumenti. In questa Tappa approfondirai la conoscenza degli otto strumenti già a tua disposizione che, con un po’ di allenamento, possono aiutarti a portare maggiore benessere nella tua vita.

LA CURA QUOTIDIANA – Praticare una costante pulizia interiore. In questa Tappa inizierai a sviluppare il tuo Pollice Verde Interiore per far sì che il tuo spazio interno rimanga curato e libero da elementi di disturbo.

IL GIARDINO NEL MONDO – Camminare le proprie parole. In questa Tappa, partendo dal presupposto che prenderti cura del tuo Giardino Interiore implica anche essere chiamato ad occuparti del Giardino del Mondo, definirai la tua Dichiarazione d’Integrità verso te stesso e il Pianeta.

A fine percorso riceverai inoltre un Attestato di Partecipazione che, tengo a sottolineare, ha valore puramente simbolico. Questo percorso, infatti, non fornisce crediti formativi per l’aggiornamento professionale. Insieme all’Attestato ti invierò anche un Questionario di valutazione sulla qualità del percorso per raccogliere i tuoi feedback utili per migliorare il materiale proposto.

DURATA E MODALITÁ DI SVOLGIMENTO

Il Giardino che Sono è un percorso erogato a distanza con una durata di 6 mesi. Una volta iscritto, quindi, riceverai il materiale (in formato PDF) direttamente nella tua casella di posta elettronica e, per permettere un’adeguata assimilazione dei contenuti, l’invio avverrà ogni due settimane. Non essendoci vincoli di orario e di luogo, tipici invece dei corsi in aula, il corso permette grande flessibilità di gestione e costi di partecipazione inferiori.

Oltre al materiale di base, avrai a disposizione la  possibilità di usufruire del tutoraggio a distanza che permette di aprire un dialogo privato con me via email attraverso il quale condividere riflessioni e perplessità sui contenuti del percorso e sulle personali esperienze di applicazione. Tengo a precisare che Il Giardino che Sono è da intendersi come un percorso introspettivo di crescita personale che non ha in alcun modo finalità terapeutiche. Questo significa, più precisamente, che non si pone come obiettivo quello di andare a sostituire l’eventuale necessità di un sostegno psicologico. Ti invito, pertanto, a non considerare le email private che ci scambieremo come uno strumento per ricevere da parte mia consulenza psicologica. Con questa precisazione, sia chiaro, non voglio in alcun modo limitare la libera espressione del tuo sentire, ma solo essere chiara in modo da non far maturare false aspettative in merito ai nostri contatti e alle finalità del percorso. Naturalmente il tutoraggio privato, che è un servizio di cui potrai usufruire solo per la durata del percorso, non va inteso come attività obbligatoria. Ogni partecipante, quindi, ne farà uso solo se ne sentirà il desiderio e l’esigenza.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE & MODALITÁ DI ISCRIZIONE

L’intero percorso, comprensivo sia del materiale ricevuto via email che dell’interazione privata con me e nel Forum, ha un costo di € 190. Una volta compilato il modulo di iscrizione e versata la relativa quota, il corso verrà attivato inviandoti la prima dispensa didattica e la fattura. Ti verrà fornita anche la password per accedere al Forum privato e, se vorrai, potrai iniziare ad usufruire del tutoraggio privato. Ogni due settimane, poi, ci sarà l’invio della nuova dispensa.

Ecco alcune testimonianze di chi ha già partecipato…

Un percorso per scoprire “il Giardino che Sono” ma anche “il Giardino che voglio e posso diventare”. Una guida alla scoperta, al riconoscimento e alla valorizzazione di ciò che è presente in noi oggi, di ciò che è stato seminato nel passato e di ciò che potrà essere il nostro futuro attraverso una consapevole progettazione e manutenzione del giardino che possa dare vita a tutte le nostre potenzialità e che tenga conto delle nostre personali risorse, talenti, esigenze, ritmi e desideri. Un utile percorso di autoconoscenza e di empowerment che delicatamente può arrivare a scavare molto in profondità per far ri-scoprire il proprio essere e l’importanza della nostra interezza. Lo consiglio a chi vuole davvero mettersi in gioco, a chi vuole conoscersi di più andando in profondità e anche a chi, come me, non ha mai intrapreso percorsi del genere prima. Il percorso offre diversi spunti, idee e materiale per continuare in modo indipendente anche nel futuro e per continuare ad approfondire le diverse tappe affrontate. ANGELA D.

Il Giardino che Sono è stata per me un’esperienza vibrante, profonda e divertente insieme, che mi ha aiutato molto sia nel processo personale di autoconoscenza sia a livello formativo, in quanto Counselor e appassionata di giardini. È stato dunque uno stimolo creativo che ancora dopo alcuni anni continua a essere per me un riferimento e un arricchimento. Il percorso è ben sviluppato con abbondanza di informazioni e esercizi. Richiede un po’ di tempo certo, ma sopratutto per chi ama i giardini e la natura, ne vale veramente la pena. DONATELLA CARCASSOLI – counselor

Se hai bisogno di ulteriori informazioni Contattami

Il Giardino che Sono ultima modifica: 2016-03-08T17:44:07+00:00 da pameladalisa